The Press

Intervista alla Dott.ssa Daniela Fava, Fondatrice e Direttore Generale del Gruppo Kosmos

Dottoressa Fava, come nasce Kosmos?
Kosmos nasce a Reggio Emilia nel 1992 come struttura che mette a disposizione una rete di professionisti madrelingua in grado di garantire alle aziende che operano sui mercati stranieri un servizio linguistico completo ed efficiente e un’immagine di affidabilità e competenza. Personalmente, dopo gli studi specialistici nel settore e una lunga esperienza di lavoro all’estero, ho deciso di creare questa realtà in Italia, affiancandomi nel tempo di validi collaboratori per potenziare sempre più la competenza e il servizio offerto ai nostri clienti. Dalla sua fondazione a oggi il numero dei clienti serviti dalla nostra società è salito a 2.000 e il numero dei traduttori professionisti di cui si avvale è passato a ben oltre il migliaio. Oltre a questo, la creazione di nuovi sedi estere ha potuto assicurare il raggiungimento e il rapporto diretto con diversi degli attuali nostri principali clienti, e oggi Kosmos conta dunque anche uffici in Svizzera, Gran Bretagna, Germania, Spagna nonchè una sede anche a Monza, in modo da poter garantire una reale copertura dei punti nevralgici del territorio italiano.

Che tipo di servizi fornisce Kosmos?
Il nostro obiettivo è quello di soddisfare tutte le specifiche esigenze linguistiche dei nostri clienti, dalla traduzione accurata di cataloghi, manuali, documenti legali e persino libri o riviste alla fornitura di interpreti esperti per congressi, convegni, fiere o incontri di trattativa. A questo va aggiunto il servizio di speakeraggio da parte di speaker madrelingua selezionati per il settore pubblicitario, di marketing o culturale e un’importante attività di desktop publishing, da noi svolta sia in ambiente Windows che Macintosh, utilizzando i programmi più comunemente diffusi negli studi grafici.

Quali sono le lingue e i vostri campi di specializzazione?
Potrebbe sembrare strano e addirittura esagerato affermare che siamo in grado di fornire tutte le lingue e operare in tutti i settori, ma è importante comprendere il fatto che come prima cosa noi operiamo in tutto il mondo con un’estesa rete di collaboratori fra traduttori e interpreti, tutti assolutamente madrelingua ed esperti ciascuno nel proprio settore. Internet da questo punto di vista è una risorsa incredibile, che ci permette di restare in contatto e di poter selezionare di volta in volta il traduttore o l’interprete adatto al singolo progetto. Ecco allora che siamo in grado di spaziare dalla traduzione di manuali tecnici, brochure e cataloghi ai testi legali come contratti, bilanci e sentenze, e ancora dai comunicati stampa di moda e dal copyrighting pubblicitario, sia in italiano che nelle lingue straniere, ai testi medici e scientifici.
Comunque, per restare alle lingue più richieste, oltre alle principali europee e a tutte quelle che per normativa è necessario includere nelle varie documentazioni industriali e commerciali, negli ultimi tempi si è assistito a una crescente richiesta del cinese, innanzitutto, del russo, dell’hindi e in generale delle lingue parlate nei mercati emergenti.

Kosmos è in grado inoltre di fornire un servizio di sondaggi internazionali, una vera e propria consulenza di marketing mirata al servizio delle aziende. Di cosa si tratta?
Anche il marketing è una scienza e soprattutto le aziende hanno la precisa necessità di mettere a punto strategie efficaci al fine di raggiungere gli obbiettivi commerciali che si prefiggono. Ecco dunque che diventa fondamentale non agire alla cieca ma conoscere esattamente ciò di cui il mercato necessita e i modi in cui lo necessita. Kosmos offre attualmente un importante e prezioso strumento quale la consulenza marketing basata sui sondaggi a livello internazionale, per sapere direttamente dai potenziali clienti cosa essi si aspettano dalle aziende e poter poi agire di conseguenza.

Come gestite i vari progetti all’interno del vostro Studio e delle filiali?
Oltre ai collaboratori madrelingua, la figura chiave è quella del Project Manager, il vero anello di congiunzione fra le esigenze del cliente e la fase esecutiva affidata ai traduttori, principalmente, o interpreti. Il Project Manager infatti è colui incaricato di analizzare il progetto affidatogli e selezionare il giusto collaboratore, supportandolo in ogni fase e mantenendo al contempo la comunicazione con il cliente finale. Inoltre, precise nostre direttive interne, allineate con le normative europee, prevedono la verifica di ogni progetto di traduzione da parte di un revisore al fine dell’accertamento della sua correttezza, nonchè una correzione bozza (proofreading) finale volta ad assicurare sempre una qualità impeccabile. A tutto ciò si aggiunge infine un controllo qualità da parte del Project Manager incaricato del progetto, il quale si assicura della perfezione del lavoro in base a tutte le istruzioni del cliente. Solo allora il testo verrà inoltrato al cliente. La nostra attività di Desktop Publishing in questo senso è utile alla finalizzazione di testi pronti per la stampa, oppure di siti Internet la cui comparsa sul web assicura al suo titolare un’immagine di assoluta professionalità .

Chi sono i vostri principali clienti?
Da anni ormai vantiamo una consolidata partnership con la testata Milano Finanza, punto di riferimento italiano degli operatori economici, il quale ci affida quotidianamente la traduzione degli articoli del Wall Street Journal, affiancato dalla rivista online Milano Finanza Fashion Magazine, dedicata alle ultime notizie dell’alta moda italiana e internazionale, cosa che poi mi porta a ricordare che collaboriamo con moltissimi uffici stampa milanesi specializzati proprio nel mondo della moda e dei più importanti stilisti. Altro importante cliente è l’azienda Peg Perego, per la quale curiamo ormai da lungo tempo la traduzione di tutti i cataloghi e manuali. Quest’anno, inoltre, abbiamo festeggiato i dieci anni di partnership, proprio dal primo anno della sua costituzione, con Agco Italia del marchio Massey Ferguson. Questi sono solamente alcuni esempi dei nostri clienti che, come ho precedentemente detto, spaziano nei campi più diversi. Recentemente poi una nostra collaboratrice interna, partendo da una passione personale per il mondo della musica, ha partecipato alla traduzione e all’adattamento dei testi per un programma televisivo andato in onda su Rai Due. Il campo è veramente aperto a ogni possibilità !

Come’è cambiato nel tempo il mondo della traduzione?
è certamente cambiato moltissimo, dal momento che negli ultimi anni si è giustamente assistito sempre più alla diffusione e all’utilizzo dei software di assistenza alla traduzione, i cosiddetti CAT tool (strumenti di Computer Assisted translation) come Trados, Wordfast, Deja Vu, SDLX, Star Transit, ecc. Tali strumenti sono di enorme aiuto al Project Manager e al traduttore in quanto consentono la creazione di memorie di traduzione che assicurano omogeneità terminologica per il cliente e risparmio di tempo per lo stesso traduttore/Project Manager, che si riflette poi a sua volta in un risparmio economico per il cliente a monte di un’ottimizzazione delle risorse da parte di chi lavora al progetto, fermo restando però che il Project Manager ha dovuto rivoluzionare il suo metodo di gestione, ma ne è valsa sicuramente la pena. La diffusione di Internet come mezzo di comunicazione ha non solo consentito, ma sicuramente imposto, ritmi di comunicazione e di esecuzione più veloci. Inoltre, proprio la presenza in Internet delle varie aziende e realtà ha posto da un lato questioni di localizzazione in vari settori, per la quale non è certo sufficiente una traduzione letterale, e dall’altro la necessità di tradurre i contenuti del proprio sito web in modo da assicurarsi una presentazione professionale all’interno del mercato globale.

Si parla appunto spesso di localizzazione, e molto in merito al mondo della traduzione. Di cosa si tratta esattamente?
Il mercato globale non ha certo cancellato con un colpo di spugna caratteristiche culturali sviluppatisi in centinaia di anni, quali ad esempio i sistemi di misura, basti pensare a quelli in uso nei Paesi anglosassoni. Ma prendiamo anche semplicemente un numero di telefono di un paese estero, è sempre bene indicare il giusto prefisso del luogo di destinazione. Ma ci sono anche altri aspetti più sottili e complessi, come l’intero sistema culturale di un luogo, e l’importanza ad esempio di privilegiare determinati aspetti e evitarne altri, come le caratteristiche del mondo musulmano e di quello asiatico. Alla base ci deve essere sempre la conoscenza e il rispetto degli usi e costumi dei destinatari di un servizio linguistico, al fine di consentire la massima comprensione e consentire l’efficienza.

Kosmos dà molto spazio alla formazione, e anche all’accoglienza di studenti offrendo loro periodi di stage, non è vero?
Esattamente, è qualcosa a cui teniamo molto in effetti. Tendiamo costantemente a migliorare le nostre procedure di lavoro in modo da ottimizzarle in termini di modi, tempi e costi, e a tale proposito tutto il personale interno segue corsi di management e formazione aziendale, nonchè un costante aggiornamento nel settore informatico in relazione ai CAT tool. Cosa più importante, abbiamo conseguito la certificazione ISO 9001:2008 e UNI EN ISO 15038, specifica per i fornitori di servizi di traduzione, così da fornire ai clienti un ulteriore parametro di sicurezza in merito alla qualità del nostro operato. Ci tengo inoltre a dire che da anni istituiamo stage a cui partecipano studenti universitari provenienti da tutta Europa, in collaborazione con le università di Oxford, Coventry, Granada, Friburgo, Aix-en-Provence e in Italia le Università di Reggio Emilia e Modena, Bologna, Forlì, Trieste e Milano. Per loro si tratta di un’occasione importante per toccare con mano la realtà di uno studio di traduzione e fare un’esperienza concreta e formativa, e i migliori di loro, una volta laureati, sono entrati stabilmente a fare parte del nostro organico.

Come definirebbe il mercato della traduzione oggi?
Naturalmente vi è molta concorrenza ma questo è naturale, ci sono anche molti liberi professionisti di grande serietà e professionalità. Kosmos mira in ogni caso a posizionarsi ad un livello alto per qualità dei servizi offerti, controllo e disponibilità, tenendo sempre a mente il rapporto con il cliente, ascoltando le sue esigenze e decidendo di soddisfarle al meglio.

Quali sono gli obiettivi di Kosmos a medio e lungo termine?
Sicuramente l’apertura di nuove filiali in Europa, in vista del proseguimento di un nostro progetto di espansione. Poi sicuramente il potenziamento delle risorse umane e tecnologiche, volto ad un’ulteriore ottimizzazione delle prestazioni e a un contenimento dei costi.

Qual’è il contributo che oggi Kosmos può dare alle imprese?
Senza dubbio possiamo essere di grande aiuto nel processo di internazionalizzazione intrapreso dalle aziende, contribuendo alla loro espansione e penetrazione nei mercati esteri mediante una comunicazione corretta che rifletta un’immagine di competenza ed efficienza e contribuisca alla riuscita degli obiettivi commerciali. Grazie inoltre al servizio di sondaggi internazionali, Kosmos si mette al servizio delle aziende aiutandole a posizionare correttamente e in maniera vincente i propri prodotti nei mercati prescelti.

Nel 2012 Kosmos compie 20 anni: qual è il suo bilancio in termini di arricchimento professionale e personale?
Un bilancio assolutamente positivo: negli anni il numero sia della rete dei collaboratori esterni sia di quelli interni è aumentato costantemente, così come il numero dei clienti, i servizi offerti, le filiali, la rete di collaborazioni e il fatturato. Molte persone sono cresciute al nostro interno, stabilendo collaborazioni durature e proficue, così come fra Kosmos e clienti di lunga data. Il lavoro e la gestione di progetti è stata una palestra preziosa sia a livello professionale che umano, consentendo a diverse persone di sviluppare e mettere in pratica notevoli doti comunicative e organizzative.

Quali sono, a suo avviso, le caratteristiche che un’azienda di traduzioni deve avere per operare con successo sui mercati?
Certamente la massima professionalità, che si sviluppa grazie alla conoscenza e all’esperienza acquisita. E poi la disponibilità, l’essere propensi a trovare soluzioni insieme ai clienti per soddisfare sempre in pieno le loro esigenze e aspettative, accettare le sfide decidendo di raggiungere i migliori risultati. Si potrebbe dire l’essere disposti a fornire sempre un poco di più di quello che viene richiesto, e il tempo ci ha dimostrato quanto questo alla lunga paghi.